Scrittrice d'immagini

Share |

La necessità di fotografare è quel qualcosa che si agita,trema,pulsa come un formicolio nelle mani. Non so da dove parte,se dalla testa ,se dal cuore,ma c’è. E’ dentro come un suono costante che non smette di vociferare fino a quando con la mia macchina fotografica non scrivo quello che sto sentendo.
m. 


 

"Tutto fugge via se non lo ferma la fotografia"

 - Maria si muove in questa direzione, fotografa di continuo e d'istinto e quando riordina gli scatti ricostruisce il suo percorso. Il primo approccio viene da dentro,ha un'istintività viscerale che le consente di afferrare quell'attimo di cui aveva intuito la presenza,di fissarla nel tempo,di razionalizzarlo solo al passo successivo. Si muove silenziosamente e in rapidità come una specie di caccia,meglio se riesce a passare inosservata; conosce le reazioni del soggetto e preferisce che siano ridotte al minimo,che non intervenga la messa in posa da sempre ingombrante e falsa. E' capace di afferrare l'anima...fa venire in mente quella credenza primitiva che vedeva alcune popolazioni sottrarsi al fotografo per timore di essere posseduti in eterno.Si capisce bene che anche quando è senza macchina fotografica..osserva! - 

 

ROSELLAGALLO

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 

 



Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS